Orizzonte galleggiante

  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Horizon flottant
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante
  • Orizzonte galleggiante

2011

La linea d’orizzonte scende o sale, è come un livello proposto dentro lo spazio della scalinata. Il museo offre livelli luminosi variabili che fanno perdere al visitatore i suoi riferimenti di altitudine mentre sale o scende la scalinata.

Questo orizzonte si sposta come se il museo del MACRO portasse i visitatori in un altro luogo, in un movimento verticale e luminoso che avvolge il pubblico. Il passante non sa più se sale o scende perché i campi luminosi ondeggiano, mutevoli e fluttuanti. Il muro sembra muoversi man mano che la scala è percorsa mentre lo spostamento del visitatore è indipendente, il suo spostamento differisce. Lo spazio della scala si inventa continuamente, non offre alcun orientamento ma al contrario una nuova dimensione del luogo. La traiettoria del passante è diagonale mentre lo spazio dell'opera di luce la trasforma in una traiettoria verticale, mobile.

Il colore dell'orizzonte varia, ricorda il tramonto del sole ma anche il sole quando sale allo zenit. I colori luminosi sono complementari, determinano una potenza visiva.

Il muro si sposta nella sua verticalità, lo spazio cambia. La dimensione laterale e mobile dell'opera di luce, procurando una certa instabilità, crea una decontestualizzazione del luogo.

Nathalie Junod Ponsard

Lauréate du concours international, en décembre 2010, pour une œuvre de lumière dans l’espace d’escalier « La Scala » du MACRO musée d’art contemporain de Rome.
L’oeuvre est constituée de 22 lignes horizontales et lumineuses constituées de tubes Led, programmées pour des changements toutes les quelques secondes. Les lignes de tubes Led changent de configuration chromatique afin de créer l’idée de niveau.
Pour 22 lignes, il existe 21 « tableaux » avec deux couleurs différentes comme le bleu cyan et le rouge. Au total trois paires de couleur apparaissent les unes après les autres: Cyan-Rouge ; Orange-Indigo ; Bleu foncé-Jaune, ces couleurs sont complémentaires. Ceci constitue 63 tableaux enregistrés en boucle défilant sans interruption, autant d’horizons.

Dimensions : hauteur 4 étages, longueur: 14 mètres.