Vertigine in assenza di gravità

  • Vertigine in assenza di gravità
  • Vertigine in assenza di gravità
  • Vertigine in assenza di gravità
  • Vertigine in assenza di gravità
  • Vertigine in assenza di gravità
  • Vertigine in assenza di gravità
  • Vertigine in assenza di gravità
  • Vertigine in assenza di gravità
  • Vertigine in assenza di gravità
  • Vertigine in assenza di gravità
  • Vertigine in assenza di gravità
  • Vertigine in assenza di gravità

Struttura portante: ponte metallico, proiettori 100 0watts, gelatine, mensola e programmazione. Films diffusi sulla facciata di vetro

Installazione di luce / BAUHAUS Dessau La parte centrale del Bauhaus è come inglobata in un movimento rotatorio luminoso all'infinito. Proiezioni di luce intensa, dovuta all’uso di colori complementari, arancione e indaco, disegnano un anello che ruota propagandosi attraverso le finestre della facciata di vetro. I visitatori si sentono attirati in un capogiro visuale. All'interno del Bauhaus, l'introduzione del corpo fisico dello spettatore si trova afferrato dall'immersione luminosa e mobile. Il corpo diventa un luogo di sperimentazioni, è messo in sospensione dalla luce e dai suoi movimenti. 2004
Opera prodotta dalla Fondazione Bauhaus, l'Ambasciata di Francia a Berlino, l'Antenna di Sassonia-Anhalt e l'Ufficio delle Arti Visive a Berlino.
Stiftung BAUHAUS, DESSAU, GERMANIA

La parte centrale della facciata del Bauhaus viene come inglobata in un movimento girevole luminoso all'infinito. Proiezioni di luce intensa, con colori complementari tra loro, disegnano una sorta di anello che ruota propagandosi attraverso le finestre. Una metà dell’anello è arancione, l'altra che gli succede è indaco, le luci avanzano dentro l'edificio e si invertono costantemente ad un ritmo regolare. La luce arancione diventa indaco e, viceversa. Tutto sembra girare. All'interno del Bauhaus, il corpo fisico dello spettatore si trova prima introdotto e poi afferrato dall'immersione luminosa, la luce mobile passa sui corpi e li ingloba. I visitatori sperimentano una sensazione di vertigine visiva dovuta ai movimenti opposti dei colori luminosi così contrastanti.

Nathalie Junod Ponsard